Tragedia Mottarone: fermati rispondono di rimozione dolosa sicurezza impianto

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Stresa, 26 mag. (dall'inviata Antonietta Ferrante) – Le tre persone fermate, tra cui il gestore dell’impianto della funivia del Mottarone, devono rispondere di "Rimozione od omissione dolosa di cautele" previsto dell’articolo 437 del codice penale che punisce chi "omette di collocare impianti, apparecchi o segnali destinati a prevenire disastri o infortuni sul lavoro, ovvero li rimuove o li danneggia". Ipotesi aggravata "se dal fatto deriva un disastro". Lo spiega il procuratore di Verbania Olimpia Bossi a capo dell’inchiesta sulla cabina precipitata della funivia in cui hanno perso la vita 14 persone e un bambino è rimasto ferito.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli