Tragedia in provincia di Bergamo, deceduto sul lavoro operaio di 53 anni

·2 minuto per la lettura
incidente lavoro bergamo
incidente lavoro bergamo

Nuovo incidente sul lavoro in provincia di Bergamo, dove nella giornata del 17 maggio un operaio di 53 anni è morto dopo essere stato schiacciato da un camion dell’azienda per cui lavorava, la De Berg di Spirano in via Campo Romano. La tragedia è avvenuta intorno a mezzogiorno ma nonostante i tempestivi soccorso degli operatori sanitari purtroppo per l’uomo non c’è stato nulla da fare. Si tratta del terzo incidente sul lavoro nella bergamasca dall’inizio del mese di maggio, dopo quelli del 6 e dell’8 maggio scorsi in cui hanno perso la vita Maurizio Gritti e Marco Oldrati.

Incidente sul lavoro a Bergamo: 53enne morto schiacciato da un camion

Stando a quanto ricostruito dagli uomini delle forze dell’ordine giunti sul posto, il 53enne mulettista sarebbe stato travolto nel piazzale dell’azienda da un camion, che in quel momento stava effettuando attività di movimento merci e si trovava in retromarcia. Secondo le prime ipotesi è probabile che il conducente del mezzo pesante non abbia visto l’operaio perché fuori dal proprio campo visivo, e lo abbia investito riducendolo in fin di vita.

Incidente sul lavoro a Bergamo: sul posto anche il sindaco di Spirano

Sul luogo dell’incidente sono immediatamente intervenuti gli operatori sanitari della Croce Rossa di Urgnano, che però vista la gravità della situazione hanno fatto intervenire anche un elisoccorso proveniente da Bergamo in codice rosso. Nonostante il tempoestivo intervento però, per l’uomo non c’è stato nulla da fare ed è stato dichiarato morto poco dopo. Giunti sul posto anche gli agenti della Polizia Locale e dei Carabineri, nonché i famigliari dell’uomo e il sindaco di Spirano Yuri Grasselli.

Incidente sul lavoro a Bergamo: i precedenti nel mese di maggio

Quella di Spirano non è purtroppo la prima morte sul lavoro che vede vittime lavoratori bergamaschi dall’inizio del mese. Lo scorso 6 maggio infatti il muratore 47enne Maurizio Gritti era stato travolto e ucciso a Pagazzano da una lastra di calcestruzzo pesante 600 chili, mentre il successivo 8 maggio il bergamasco Marco Oldrati era precipitato da un ponteggio mentre lavorava nel cantiere di un centro commerciale a Tradate, nel varesotto.

In tale occasione, il presidente della Lombardia Attilio Fontana aveva dichiarato: “Chiederò al Prefetto di Milano, anche in qualità di coordinatore dei prefetti lombardi, di convocare con urgenza un incontro per ampliare e intensificare tutti insieme – associazioni di impresa, rappresentanti sindacali e istituzioni – le azioni concrete e immediate per spezzare questa sequenza di incidenti e di troppe vittime”.