Trano(M5s): sul Mes ora è tutto da rifare, ha fatto tanti danni

Adm

Roma, 24 mar. (askanews) - Sul Mes è "tutto da rifare". Lo dice il presidente della commissione Finanze della Camera Raffaele Trano(M5s). "Mi unisco all'appello sottoscritto da 103 economisti in quanto non solo sono contrario alla riforma del Meccanismo europeo di stabilità e alla sua attivazione, ma sono convinto che vada smantellato quello in vigore, che tanti danni ha fatto alla Grecia".

"Sono stupito anche io - continua - che persino di fronte all'attuale emergenza la classe dirigente europea non sia disposta a prendere atto che le idee che hanno guidato finora la politica economica siano profondamente sbagliate. Tanto che il Patto di stabilità in un primo momento non era stato nemmeno sospeso. Difficile inoltre non condividere il fatto che il cosiddetto Meccanismo europeo di stabilità(Mes) è rimasto ai margini degli annunci a riprova che non è in grado di salvare nulla".

Aggiunge Trano: "Tutti motivi che mi portano a unirmi all'appello dei 103 economisti affinché la Bce riaffermi con forza che i 750 miliardi di interventi annunciati rispondono solo alle prime necessità della crisi e che è disposta ad interventi illimitati in base a quanto necessario, che gli acquisti di titoli pubblici non avverranno più in base alle quote di capitale della Banca che ogni Stato possiede, ma in base alla necessità di contrastare la speculazione, che la Bce dichiari che i titoli sovrani detenuti in base ai vari programmi di acquisto saranno rinnovati indefinitamente, e che trovi la formula giuridica compatibile con i Trattati per acquistare a titolo definitivo bond senza scadenza emessi dagli Stati, con rendimento zero o prossimo allo zero, da collocare poi presso le Banche centrali nazionali".

Insomma, "finita l'emergenza nulla sarà come prima e tutto sarà da ricostruire, in Italia e negli altri Paesi. Diventa quindi determinante che i vertici europei si rendano conto dei clamorosi errori ripetuti nel tempo e che dichiarino di voler seguire d'ora in poi una strada diversa".