Transatlantico riapre ma c'è solo un deputato

·1 minuto per la lettura

"E' bello rivedere tutto aperto...''. Dopo 17 mesi di off limits causa Covid il Transatlantico riapre i battenti, ma è semideserto. Su uno dei divanetti rossi c'è solo una deputata, l'azzurra Lorena Milanato, berlusconiana della prima ora, 5 legislature alle spalle, una vera e propria 'decana' ormai del 'Corridoio dei passi perduti'. L'esponente di Forza Italia sorride, perché ''il ritorno alla normalità'' è anche questo: parlamentari e giornalisti liberi di 'passeggiare' nello storico salone Liberty e di consumare panini e caffè alla buvette.

In 'giro', però, complice l'assenza dei lavori d'Aula come ogni lunedì mattina, non c'è nessuno. Almeno fino all'una, si vedono solo qualche cronista e funzionario parlamentare. ''Sono qui perché come componente della commissione Affari costituzionali, alle 14 devo intervenire in Aula, all'ordine del giorno c'è il dl giustizia'', dice all'Adnkronos Milanato, che invita a ''non abbassare la guardia'' perché la ''riapertura del Transatlantico non significa che la pandemia sia finita...".

"Visti gli ultimi dati sull'andamento del contagio -avverte la tesoriera del gruppo forzista alla Camera- serve tanto senso di responsabilità, dobbiamo ancora stare molto attenti e rispettare le regole igienico sanitarie". Come mai non si vedono parlamentari? ''Siamo all'inizio della settimana e non ci sono lavori, i colleghi arriveranno alle 14 quando inizierà l'Aula'', assicura Milanato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli