Transport Scotland avvisa i sudditi che potrebbero verificarsi chiusure lungo il tragitto

regina-elisabetta-carro-funebre
regina-elisabetta-carro-funebre

Come previsto da una specifica voce del protocollo “London Bridge” in caso di decesso al di fuori di Londra la bara di Elisabetta II è partita da Balmoral alla volta di Buckingham Palace in treno e Transport Scotland avvisa i sudditi che potrebbero verificarsi chiusure lungo il tragitto.

La bara di Elisabetta è partita per Buckingham Palace

I media britannici che hanno ripreso l’annuncio della società spiegano che “le persone sono state avvertite di aspettarsi gravi interruzioni di viaggio in tutta la Scozia oggi mentre il Royal Cortege, la processione che includerà la bara della regina Elisabetta, lascia Balmoral e si reca a Edimburgo”.

Questo il momento in cui la bara all’interno del carro funebre lascia Balmoral.

Da Aberdeen e Dundee fino ad Edimburgo

Il percorso è definito in ogni tappa e il corteo attraverserà Aberdeen e Dundee e “viaggerà a passo d’uomo per la maggior parte del viaggio”. Dal canto suo Transport Scotland, anche con annunci sui social, avvisa che “migliaia di persone dovrebbero radunarsi, con importanti chiusure stradali già in atto”. Il viaggio solo fino ad Edimburgo dovrebbe durare circa sei ore.

L’avviso: “Radunatevi in anticipo”

Alle persone è stato spiegato di pianificare in anticipo il loro arrivo a fare margine al corteo dato che le chiusure stradali potrebbero essere attuate con un preavviso molto breve. Il Royal Cortege viaggerà da Balmoral, via Aberdeen e Dundee, a Edimburgo prima del funerale a Londra del 19 settembre e ci si aspetta che migliaia di persone si radunino per rendere omaggio al feretro della sovrana defunta. Tutto questo mentre a Balmoral continuano a giungere omaggi floreali.