Trapani, avevano assaltato banca: 3 rapinatori in manette -2-

red/Rus

Roma, 18 nov. (askanews) - La rapina era avvenuta il 26 agosto, alle 11.30. I rapinatori erano entrati nella filiale Credem grazie ad uno dei tre che, fingendosi un cliente, aveva oltrepassato per primo la bussola di sicurezza, con il viso parzialmente nascosto da un cappellino. Una volta all'interno, aveva minacciato uno dei cassieri con un paio di forbici trovate su una scrivania e gli aveva fatto aprire la bussola, per far accedere gli altri due complici. Con estremo sangue freddo e autocontrollo, i tre malviventi avevano chiuso in una stanza gli impiegati e i clienti presenti insieme a quelli che, via via, entravano nella filiale, ignari di cosa stava succedendo. Uno quindi, si era spostato nel caveau con il cassiere e il direttore e aveva atteso, per 15 minuti, l'apertura di uno dei due "tesoretti" temporizzati, che custodiva 50.000 euro. I rapinatori non avevano aspettato l'apertura del secondo "tesoretto", perché sarebbero dovuti trascorrere altri 30 minuti e il rischio di essere scoperti sarebbe aumentato. I tre, però, prima di fuggire, avevano costretto uno dei cassieri a fare quattro operazioni di prelievo per farsi consegnare altri 15.000 euro. Riposte le banconote dentro a un sacco nero, erano scappati a bordo di due auto.(Segue)