Trapianti: Cnt ricorda Nicholas Green a 25 anni dalla morte -2-

Cro-Mpd

Roma, 30 set. (askanews) - "In questi 25 anni la Rete trapiantologica italiana è cresciuta esponenzialmente, è diventata un'eccellenza del Servizio sanitario nazionale, le donazioni sono aumentate di oltre tre volte e i trapianti più che raddoppiati", commenta il direttore del Cnt Massimo Cardillo.

"Questo però - osserva - non è ancora sufficiente: in questo momento circa 9mila persone aspettano un organo e 230 sono pazienti pediatrici. Dobbiamo fare in modo che tutti i potenziali donatori vengano segnalati attraverso un forte lavoro con le Regioni sull'organizzazione degli ospedali, ed è necessario incentivare il trapianto da donatore vivente, che oggi è una procedura più che sicura. Ma soprattutto è decisivo far crescere il consenso sociale alla donazione attraverso le tante iniziative che il Cnt con le associazioni sta portando avanti per fare in modo di ridurre i tassi di opposizione al prelievo degli organi: in questo senso, nonostante siano passati tanti anni, la storia di Nicholas Green e della sua famiglia è ancora una testimonianza preziosa e viva, così come quella di tutti i donatori di cui l'opinione pubblica non conosce il nome ma che ogni anno salvano la vita di migliaia di persone".