Trasporto aereo in sciopero: lavoratori di Alitalia protestano

·1 minuto per la lettura
trasporti aerei in sciopero
trasporti aerei in sciopero

Protesta estrema da parte dei dipendenti Alitalia: i lavoratori si sono riversati in massa sulla A91, autostrada che collega Roma e Fiumicino, e si sono seduti in mezzo alla carreggiata impedendo il passaggio dei veicoli.

Sciopero dei trasporti aerei: le dinamiche

Più di 500 dipendenti Alitalia stanno sfilando per l’autostrada A91, formando un vero e proprio corteo che ha intralciato il traffico e sta creando numerevoli disagi. I manifestanti si sono poi seduti al centro della strada in segno di protesta e inevitabile è stato l’intervento delle Forze dell’Ordine.

Come comunicato dai portavoce dell’Unione Sindacale di Base – Usb – la polizia è giunta in assetto antisommossa e «sta manganellando i manifestanti per impedire il corteo».

Sciopero dei trasporti aerei: l’iniziativa

La manifestazione, organizzata dai sindacati confederali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo, era stata indetta per oggi – 24 settembre – dalle 10 alle 14, davanti alle partenze del terminal T3 dell’aeroporto di Fiumicino (Roma). Per oggi è anche previsto uno sciopero completo, della durata di 24 ore, del servizio di trasporto aereo.

Sciopero dei trasporti aerei: il motivo

Come detto, la maggior parte dei manifestanti sono dipendenti di Alitalia, compagnia in liquidazione, che protesta per paura e incertezza sul proprio futuro. Alla base della protesta, sono diverse le richieste intavolate dai sindacati:

«No ai licenziamenti Alitalia-Air Italy-Ernest-Norwegian; rifinanziamento Fsta (Fondo solidarietà Trasporto Aereo); riforma del settore e del sistema aeroportuale; applicazione del CCNL per tutto il Trasporto Aereo e corretta ed immediata applicazione dell’art. 203 DL rilancio»

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli