Trasporto e smaltimento illecito rifiuti: 7 denunciati a Milano

Red-Alp

Milano, 17 ott. (askanews) - Il nucleo Ambiente della polizia locale di Milano ha sequestrato un autocarro e ha denunciato sette persone "collegate a una serie di scarichi abusivi tra via Zama e via Bonfadini e al trasporto illecito di rifiuti". Lo ha annunciato il Comune del capoluogo lombardo, spiegando che le indagini sono partite dall'analisi delle immagini di alcune "fototrappole", le telecamere mobili installate dai vigili che avevano ripreso un autocarro bianco con un cassone ribaltabile che scaricava, in ore e in giorni diversi, ingenti quantità di rifiuti.

Il furgone è risultato intestato ad una donna di 62 anni residente nel campo di via Bonfadini 39, che è stata denunciata per trasporto illecito di rifiuti. Un mese più tardi, una pattuglia ha fermato il furgone che stava trasportando un carico di macerie e sul quale viaggiavano due uomini, uno dei quali era il marito della 62enne. I due, privi della documentazione prevista dalla legge, sono stati così denunciati e l'autocarro è stato posto sotto sequestro. Con loro è stato indagato a piede libero anche il proprietario dell'esercizio commerciale che aveva affidato il materiale da smaltire.

Sempre esaminando il materiale abbandonato dallo stesso autocarro nell'area compresa fra via Pestagalli e via Medici del Vascello, i vigili sono riusciti a risalire ai due soci di una società di Paullo (Milano) che avevano affittato un capannone ad una seconda ditta: loro e la titolare della ditta sono così stati denunciati per smaltimento illecito di rifiuti.

"Gli agenti hanno svolto un lavoro importante con indagini atte a individuare sia i responsabili materiali degli sversamenti, che coloro che affidavano illecitamente a terzi lo smaltimento dei rifiuti" ha spiegato la vicesindaco e assessore alla Sicurezza Anna Scavuzzo, sottolineando che "il segnale che l'Amministrazione ha dato con queste attività di contrasto all'abbandono di rifiuti è chiaro e l'impegno della polizia locale proseguirà anche nei prossimi mesi". "Ringrazio i cittadini e le imprese per le informazioni e le segnalazioni forniteci - ha concluso - indispensabili per le indagini e utili a continuare a contrastare questi fenomeni che creano degrado in città".