I trattamenti ayurvedici in base al Dosha sono pura saggezza secolare in grado di migliorarci

Di Marzia Nicolini
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Chris Jarvis su unsplash
Photo credit: Chris Jarvis su unsplash

From ELLE

Il principio chiave dell'Ayurveda si potrebbe riassumere così: mantenere il giusto livello di energia dentro sé, sposando uno stile di vita in cui tutto, ma proprio tutto - dai massaggi beauty agli alimenti che si portano in tavola - è pensato su misura del proprio Dosha, ossia il proprio elemento energetico. In effetti, secondo l'antichissima medicina tradizionale indiana, meglio nota come Ayurveda o scienza della vita, è importante capire sin dai primi anni di vita a che Dosha si appartiene e crearsi uno stile di vita personalizzato. Due esperti ci guidano alla scoperta di una piccola parte dello sterminato universo ayurvedico. A partire dai famosi tre Dosha: Vata, Pitta o Kapha. Pronte a un viaggio nell'India di oltre 3500 anni fa?

Rituali benessere per ciascuno dei tre Dosha

"Mantenere il perfetto equilibrio mente-corpo e sensi-anima è il pilastro su cui poggia l'Ayurveda", ci conferma Emanuela Mattiuzzi, esperta di rimedi olistici e naturali. "Secondo la tradizione ayurvedica è inoltre importantissimo ritagliarsi ogni giorno uno spazio di silenzio, dedicato alla routine di bellezza e benessere, all'insegna della lentezza". Vediamo ora meglio le tre tipologie energetiche, ossia i Dosha. "Le persone a prevalenza Vata (aria + spazio) tendono ad avere pelle secca, sottile e sensibile e un fisico naturalmente snello. Il loro problema è l'invecchiamento cutaneo precoce. Per questo il rituale beauty su misura è l'automassaggio con olio di sesamo caldo (vi basta riscaldarlo a bagnomaria). Ricco di minerali, oltre che omega 3 e 6 e vitamine, quest'olio è antinfiammatorio, rassodanti e anti age. Massaggiare su pelle ben detersa e tonificata ogni giorno, con movimenti lenti, salendo dal mento alla fronte. La seconda tipologia è Pitta (fuoco + acqua): la corporatura è media, il peso più o meno stabile, ma solido, la pelle reattiva al caldo e spesso con tendenza all'acne. Fondamentale per voi un rituale beauty ad azione lenitiva e calmante. L'ayurveda consiglia un impacco a base di gel puro di aloe vera, ingrediente vegetale super rigenerante, ideale anche da massaggiare sul cuoio capelluto, co l'aggiunta di poche gocce di olio essenziale di lavanda. Il terzo Dosha prende il nome di Kapha (acqua + terra): chi vi appartiene tende ai chiletti di troppo e ha una cute a tendenza impura, con pori dilatati e punti neri. Il rituale beauty è una maschera viso e corpo a base di argilla verde ventilata e-o alghe, dalle proprietà disintossicanti e assorbenti: lasciata in posa per circa 30 minuti una volta a settimana, aiuta sia contro le impurità del viso, che in presenza di cellulite e ristagno dei liquidi nella zona di gambe e glutei. Per rimuoverla vi basta una spugnetta e dell'acqua tiepida".

Photo credit: lisa hobbs su unsplash
Photo credit: lisa hobbs su unsplash

Piccoli consigli alimentari secondo la dieta ayurvedica

Anche la dieta ayurvedica è considerata fondamentale per mantenere uno stile di vita votato al benessere, mai alla privazione. Come ricorda la nutrizionista e naturopata Vidhi Patel, consulente di Gold Collagen, ogni Dosha ha dei cibi consigliati. “Alla tipologia Vata si consiglia di bere molta acqua tiepida ogni giorno, preferire la frutta dolce e succosa e considerare il melograno il proprio superfood di riferimento. Le persone Vata dovrebbero sempre assicurarsi che i frutti che consumano siano maturi, evitando carne rossa, alimenti surgelati, ma anche cipolle, peperoncini, patate bianche e pasta. Per la tipologia Pitta ricordate che gli alimenti dovrebbero essere per lo più bolliti o cotti al vapore, preferendo cibi naturalmente dolci, come banana, uva, papaya, oltre alla maggior parte dei cereali e degli ortaggi a radice. Ideali le bevande calmanti, come infusi di finocchio, camomilla, menta piperita. Ai Kapha si consiglia una dieta ricca di cibi astringenti e meno dolci, ad esempio portando in tavola pere, melograni, uva, cavoli, cavolfiori, sedano, piselli. Per voi sono adatte bevande energizzanti, come caffè, tè verde, tè nero e tè allo zenzero, mentre meglio evitare la frutta in guscio”.

Strutture spa dove provare trattamenti ayurvedici top

Volete ritrovare massima vitalità e, al contempo, sentirvi rilassate e in equilibrio? Sì a un trattamento ayurvedico in cabina, per godersi appieno un'esperienza mente-corpo votata allo star bene, ancora prima che alla bellezza. Tra i wellness hotel che hanno messo nel proprio menu spa trattamenti ayurvedici troviamo il pluripremiato Lefay Dolomiti di Pinzolo, con proposta di un percorso per riportare in equilibrio le energie dei tre Dosha, mentre Terme di Sirmione, località da sogno sulla sponda lombarda del Lago di Garda, propone sia il massaggio ayurvedico classico, che la riflessologia plantare per risvegliare l'energia e sciogliere i blocchi. Infine, tra le maestose vette da 3mila metri della Valle Aurina, Alpenpalace Luxury Hideaway & Spa Retreat consiglia a chi ha bisogno di allontanare lo stress un efficace massaggio ayurvedico alla testa Shiroabhyanga con bagno ayurvedico Avaghana. L'effetto rigenerante è assicurato.

Bellezza ayurvedica, alleati beauty e benessere