Travolge persone e si dilegua: il dramma a Napoli

ambulanza
ambulanza

Un furgone avrebbe travolto sette persone per poi fuggire. È accaduto in provincia di Napoli, tra Volla, Cercola e Ponticelli. I feriti sono stati ricoverati in varie strutture sanitarie, tre dei quali presso l’Ospedale del Mare. Alcune delle vittime sarebbero in pericolo di vita. Sono in corso le indagini da parte dei carabinieri per individuare il mezzo, che non è stato fermato ma è al momento attivamente ricercato dalle forze dell’ordine. Il conducente avrebbe investito i malcapitati volontariamente.

Napoli, come stanno le 7 vittime del furgone?

Nei suoi ultimi aggiornamenti, FanPage ha precisato come inizialmente gli investimenti da parte del furgone fossero stati tre, precisando poi che il numero sarebbe aumentato, con ulteriori episodi sempre registrati nel napoletano. I nuovi casi si sarebbero verificati intorno alle 13 del 17 giugno. Sarebbero in tutto sette i feriti ricoverati tra l’Ospedale del Mare e altri nosocomi cittadini.

Alcuni di questi sarebbero in gravi condizioni, se non in pericolo di vita. Le vittime avrebbero raccontato la stessa versione: tutte loro sarebbero state investite da un furgone di colore bianco tra la provincia e il quartiere di Ponticelli. In ogni caso, dopo l’investimento di ogni passante, il conducente si sarebbe dileguato.

Ancona, auto investe e uccide due fidanzati

Da segnalare, inoltre, un altro investimento mortale avvenuto tra la notte del 16 e il 17 giugno sul lungomare di Marina di Marciano (Ancona). Un’auto fuori controllo ha ucciso due fidanzati in bici. Le vittime rispondono ai nomi di Stefania Viterbo (39 anni) e Alberto Catani (41). Come informa Tgcom24, l’auto aveva centrato un camper in sosta per poi ribaltarsi. A bordo c’erano una donna di 38 anni e la figlia di 7. Nessuna delle due ha riportato ferite, ma sono entrambe sotto shock.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli