Tre anni dopo la morte di Davide Astori, si chiude il processo

Vincenzo Marsala
·2 minuto per la lettura

AGI - Davide Astori morì tragicamente prima di una partita di calcio. Il 4 marzo 2018 venne rinvenuto senza vita in un albergo di Udine che ospitava la Fiorentina prima della partita contro l'Udinese del 27 turno di Serie A. Della squadra Viola era il capitano, anche se nella sua carriera Astori aveva indossato anche le maglie del Cagliari e della Roma, e faceva parte anche della Nazionale Italiana.

Oggi al tribunale di Firenze è in corso l'udienza del processo, dove sono attese le conclusioni del pubblico ministero, Antonino Nastasi, le arringhe di parti civili e della difesa dell'unico imputato, per omicidio colposo, l'ex direttore della medicina sportiva di Careggi, Giorgio Galanti.

Tre anni fa, dopo la morte del calciatore, la procura del capoluogo friulano aprì un fascicolo. Successivamente venne eseguita l'autopsia e acquisite le cartelle cliniche del calciatore, contenenti l'idoneità all'attività agonistica.

Nel giugno del 2018, gli atti vennero trasmessi alla procura di Firenze, perché venne ipotizzata una responsabilità medica proprio in ordine alle visite medico-sportive effettuate dal professionista. I pm toscani affidarono una consulenza allo specialista di Padova, Domenico Corrado, e sulla base di quel parere, iscrissero sul registro degli indagati l'ultimo medico che aveva firmato l'idoneità di Astori, il direttore della medicina sportiva di Careggi (oggi in pensione) Giorgio Galanti.

La posizione di un altro medico sportivo, Francesco Stagno, che aveva visitato il calciatore ai tempi del Cagliari, verrà poi archiviata. Mentre per Galanti è scattata la richiesta di rinvio a giudizio. Secondo i consulenti della procura, i risultati delle prove da sforzo a cui era stato sottoposto Astori sette mesi prima della sua morte, avrebbero dovuto suggerire ulteriori accertamenti, che avrebbero fatto scoprire la cardiomiopatia aritmogena di cui Astori soffriva.

Ma alla consulenza di Padova ha risposto quella della difesa del professor Galanti, che ribalta le conclusioni dell'accusa e stabilisce che nessun esame avrebbe potuto indicare quel male del cuore del calciatore, che mai aveva avuto sintomi. Per questo, il giudice ha disposto una terza perizia, nel corso del procedimento con il rito abbreviato a cui ha deciso di aderire l'imputato, accusato di omicidio colposo.

A firmare la terza perizia, un cardiologo e un medico legale di Torino, il professor Fiorenzo Gaita e il dottor Gianluca Bruno. "L'holter Ecg indicato all'interno delle linee guida cocis non è stato eseguito - scrivono i due periti -. Avrebbe potuto, ma non con alta probabilità (vista la variabilità della aritmie) identificare aritmie maggiori che, se documentate, avrebbero indirizzato ad ulteriori indagini di terzo livello".

Per quanto riguarda le possibilità di evitare il decesso dell'atleta, sarebbe stato necessario il pronto intervento di un defibrillatore. Ma la morte di Astori avvenne nel sonno, mentre si trovava da solo nella camera d'albergo.