Trekking: tre percorsi spettacolari sul lago di Como

Trekking: tre percorsi immersi nella natura sul lago di Como (Getty Images)
Trekking: tre percorsi immersi nella natura sul lago di Como (Getty Images)

Avete in programma di andare sul lago di Como? Se siete appassionati di trekking potreste approfittarne per un weekend fuori dal comune: oltre alle gite di rito tra le ville storiche sul lago, il territorio offre infatti percorsi straordinari da affrontare con gli scarponi e lo zaino in spalla. Eccone tre.

LEGGI ANCHE: Trekking: i 5 sentieri più spettacolari in Italia

Trekking sulle vie del contrabbando. E' un percorso stupendo da affrontare sulle montagne del versante ovest del Lago di Como, che fanno da confine naturale tra Italia e Svizzera. A separare le due nazioni c'è una rete, chiamata "ramina". Il percorso parte da Erbonne, nella Val d’Intelvi, dove si trova un piccolo Museo della Guardia di Finanza e del Contrabbando, curato dall'Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia – Sezione Alceo Salvini. Dentro ci sono le testimonianze delle attività anti-contrabbando delle forze dell'ordine. Da qui si può partire alla scoperta, a piedi, degli itinerari che facevano i finanzieri e i contrabbandieri. Avventuroso.

LEGGI ANCHE: Trekking, il percorso più lungo del mondo? E' in Italia

GUARDA ANCHE IL VIDEO: E' il sentiero trekking più lungo del mondo e si trova in Italia: da dove parte e cosa puoi ammirare

Trekking sull’Alpe di Megna. Una volta arrivati sul lago di Como, è possibile esplorare le zone del Triangolo Lariano e della Val d’Intelvi seguendo percorsi sentieristici immersi nella natura. Partendo da Lusnigo, attraverso vie acciottolate, sentieri rurali, boschi e antichi borghi contadini, si può arrivare fino in cima all'Alpe di Megna, da dove si gode di un panorama mozzafiato.

LEGGI ANCHE: Alto Adige: trekking "lunare" in un labirinto. Scopri da dove parte

Trekking nella conca di Crezzo. Partenza da Lusnigo, attraversando boschi di alberi secolari e prati, si può raggiungere la conca di Crezzo, dove si trova un laghetto. Da qui il cammino può proseguire fino a Ca’Manin, una piccola azienda di montagna a conduzione familiare, dove si allevano una trentina di capre da latte di razza Camosciata delle Alpi. Un consiglio: chiedete ai proprietari di farvi rinfrescare con un ottimo gelato home made.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: A spasso per il mondo: Il paradiso degli escursionisti