Tremila messaggi dei no vax mandano in tilt il profilo Facebook dell'Asl Toscana: indagini in corso

·2 minuto per la lettura
no vax asl Toscana
no vax asl Toscana

Grazie alle numerose segnalazioni e a un attento lavoro di ricerca e verifica, la polizia postale si è impegnata a oscurare i gruppi Telegram (e non solo) in cui i no vax comunicavano tra loro e organizzavano nuovi assalti. Impossibile però fermare la loro ira, che questa volta ha colpito la pagina Facebook dell’Asl Toscana, andata completamente in tilt a causa di circa 3.000 commenti da parte di utenti no vax, che hanno criticato il vaccino anti-Covid e preso di mira i medici, insultati con ingiusti appellativi.

No vax assaltano la pagina Facebook dell’Asl Toscana

È proprio sui social che fanno sentire la propria voce, con insulti e aggressioni verbali di ogni tipo.

Ad averne risentito questa volta è l’Asl Toscana Sud Est, che tra martedì 12 e mercoledì 13 ottobre 2021 ha visto la bacheca della propria pagina Facebook intasata di insulti.

I no vax, infatti, hanno mandato in tilt con circa 3.000 commenti la pagina Facebook, definendo i sanitari vaccinatori “nazisti” e scrivendo offese di ogni genere legate al vaccino contro il coronavirus.

No vax mandano in tilt la pagina Facebook dell’Asl Toscana: la denuncia

La pagina Facebook dell’Asl Toscana è rimasta bloccata per alcune ore in seguito all’attacco social subito dai no vax. Immediata la denuncia.

Il direttore generale Antonio D’Urso, infatti, ha presentato una denuncia alla polizia postale di Arezzo.

No vax mandano in tilt la pagina Facebook dell’Asl Toscana: le indagini

Nei commenti compare una sigla a doppia V, la quale, secondo gli investigatori della polizia postale, è ricollegabile a organizzazioni no vax.

La polizia postale prosegue con le indagini per identificare i responsabili e sono attualmente in corso i controlli ad apparati IT server usati da chi ha intasato il profilo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli