A Trento presentata spada dell’età del Bronzo di oltre 3.300 anni fa

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 mag. (askanews) - Proviene dal Monte Baldo e risale a oltre 3.300 anni fa: si tratta di una spada dell'età del Bronzo, rinvenuta casualmente da un escursionista. Per presentare l'eccezionale reperto al pubblico la Soprintendenza per i beni culturali ha organizzato l'incontro "La montagna e la preistoria" che si terrà venerdì 6 maggio alle 17, ad Avio, presso l'Auditorium di Palazzo Brasavola e al quale interverranno il sindaco di Avio e l'assessore provinciale alla cultura. La presentazione prevede brevi interventi sull'archeologia locale da parte del soprintendente per i beni culturali Franco Marzatico, del direttore dell'Ufficio beni archeologici Franco Nicolis, di Paolo Bellintani, archeologo della Soprintendenza, Marco Avanzini (Muse), Maurizio Battisti (Fondazione Museo Civico Rovereto), Paola Salzani (Soprintendenza per l'archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza) e Mara Migliavacca (Università di Verona).

L'evento intende sensibilizzare la popolazione alla valorizzazione del patrimonio culturale e restituire alla cittadinanza un bene archeologico che contribuisce a gettare nuova luce sulla storia antica del territorio. La spada andrà infatti ad arricchire la collezione permanente dell'Antiquarium di Avio, allestito a Palazzo del Vicariato. La partecipazione è libera nel rispetto della vigente normativa anti Covid.

Nel caso di fortuiti ritrovamenti, come accaduto sul Monte Baldo, gli oggetti vanno consegnati alla Provincia, a tutti gli effetti proprietaria del materiale rinvenuto, come previsto dalla legge in materia.

La spada in bronzo è stata rinvenuta nel 2021, in prossimità del crinale del Monte Baldo a circa 1360 metri di altitudine. Il reperto è stato originariamente consegnato alla Soprintendenza di Verona e poi, grazie alla collaborazione degli archeologi veronesi, riconosciuto come proveniente dal Trentino, nel territorio del Comune di Avio, e consegnato all'Ufficio beni archeologici provinciale. Datato alla tarda età del Bronzo (1350 - 1000 a.C. ca) e realizzato in lega di rame e stagno, il reperto è sostanzialmente integro, salvo la perdita degli elementi mobili dell'immanicatura (forse in materiale deperibile), di cui però rimangono i ribattini per il fissaggio. La spada risulta piegata giusto all'altezza dell'attacco dell'immanicatura.Nel caso di fortuiti ritrovamenti, come accaduto sul Monte Baldo, gli oggetti vanno consegnati alla Provincia, a tutti gli effetti proprietaria del materiale rinvenuto, come previsto dalla legge in materia.

La spada in bronzo è stata rinvenuta nel 2021, in prossimità del crinale del Monte Baldo a circa 1360 metri di altitudine. Il reperto è stato originariamente consegnato alla Soprintendenza di Verona e poi, grazie alla collaborazione degli archeologi veronesi, riconosciuto come proveniente dal Trentino, nel territorio del Comune di Avio, e consegnato all'Ufficio beni archeologici provinciale. Datato alla tarda età del Bronzo (1350 - 1000 a.C. ca) e realizzato in lega di rame e stagno, il reperto è sostanzialmente integro, salvo la perdita degli elementi mobili dell'immanicatura (forse in materiale deperibile), di cui però rimangono i ribattini per il fissaggio. La spada risulta piegata giusto all'altezza dell'attacco dell'immanicatura.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli