Treviso, poliziotto ai domiciliari dopo aver investito un ragazzo di 17 anni

Treviso poliziotto investe 17enne
Treviso poliziotto investe 17enne

L’ennesimo giovane ha perso la vita sulle nostre strade. È successo nel comune di Paese di Treviso dove un ragazzo di appena di 17 anni si trovava in sella ad uno scooter quando è stato travolto da un’auto alla cui guida c’era un poliziotto di 28 anni nella tarda serata di domenica 9 maggio. Non sarebbe chiara la dinamica dell’incidente attualmente al vaglio dei Carabinieri di Montebelluna.

Treviso, poliziotto investe 17enne: la vicenda

Da prime informazioni sull’accaduto, la vittima stava rientrando a casa a Morgano quando l’auto guidata dal 28enne lo avrebbe travolto facendolo sbalzare dalla sella. A seguito dell’impatto il giovane avrebbe riportato ferite gravissime. A nulla sono serviti gli sforzi degli operatori sanitari del 118. Per il 17enne non c’è stato purtroppo più nulla da fare.

Messo agli arresti domiciliari il poliziotto

Il poliziotto alla guida dell’auto che avrebbe invece riportato ferite lievi, è stato sottoposto agli arresti domiciliari: a seguito di successive verifiche è emerso che il tasso alcolemico dell’uomo era superiore ai limiti previsti dalla legge. Diversi i punti della vicenda sui quali fare luce a cominciare da quale veicolo avrebbe invaso la corsia opposta.

Nel frattempo il sindaco di Paese Katia Uberti su Facebook ha scritto: “Da Mamma, a nome di tutta la Cittadinanza, mi stringo forte alla mamma del ragazzo che ieri sera ha avuto solo la colpa di trovarsi al momento sbagliato nel posto sbagliato […] Una tragedia immane dovuta all’imprudenza, al mancato rispetto delle regole e mi fermo qui perché le autorità competenti accerteranno tutte le dinamiche dell’incidente e perché anche la famiglia di chi è stato responsabile sarà distrutta dal dolore”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli