Tribunale in Germania: "In Italia trattamento inumano dei migranti"

·1 minuto per la lettura
(Photo: ALBERTO PIZZOLI via Getty Images)
(Photo: ALBERTO PIZZOLI via Getty Images)

Il tribunale amministrativo del Nordreno-Vestfalia ha deciso di non rimandare in Italia due richiedenti asilo perché nel nostro Paese “rischiano seriamente di subire trattamenti inumani e degradanti”.

La sentenza riguarda due richiedenti asilo provenienti da Somalia e Mali che per il regolamento di Dublino sarebbero dovuti essere rimandati nel luogo di primo approdo competente per il loro procedimento d’asilo, l’Italia appunto. Nella motivazione della sentenza si fa riferimento al fatto che “entrambi i richiedenti non avrebbero accesso a una struttura di accoglienza e alle relative cure nel caso di un ritorno in Italia”.

“C’è il serio rischio che non siano in grado di soddisfare i loro bisogni più elementari per un lungo periodo di tempo se vengono trasferiti di nuovo in Italia”, si legge nella comunicazione pubblicata dal Tribunale sul suo sito. Lo scorso gennaio il tribunale superiore per lo stesso motivo aveva rifiutato il trasferimento in Grecia.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli