Tribunali, nel 2020 -30% procedure fallimentari, pratiche -7% - Cherry Sea

·1 minuto per la lettura

MILANO (Reuters) - Nel 2020 in Italia sono state aperte 7.500 nuove procedure fallimentari, oltre il 30% in meno rispetto al 2019, con una flessione concentrata nel periodo di chiusura dei tribunali tra marzo e giugno, in cui il calo delle nuove pratiche è stato del 75%.

Il dato è fornito da Cherry Sea, osservatorio di Cherry, la società fondata dall'ex AD di Banca Ifis Giovanni Bossi che applica algoritmi di intelligenza artificiale ai crediti deteriorati.

Dalle elaborazioni di Cherry Sea sui dati del ministero della Giustizia sui 140 tribunali italiani, emerge che nonostante i minori flussi di nuovo lavoro, lo stock di pratiche sia diminuito solo del 7% -- da 83.000 al 31 dicembre 2019 a 77.000 un anno dopo.

Circa il 50% delle nuove procedure lo scorso anno ha interessato i 20 tribunali più attivi, tra cui spiccano Milano e Roma, primo e secondo tribunale d'Italia per numero di pratiche aperte, che hanno registrato rispettivamente 665 e 458 fallimenti, con un calo del 35% e del 49% rispetto ai dati del 2019.

(Valentina Za, in redazione a Milano Sabina Suzzi)