Tridico, 'Inps vuole essere all'avanguardia su digitalizzazione, puntiamo su giovani'

featured 1614866
featured 1614866

Roma, 30 mag. (Adnkronos/Labitalia) – "Questo seminario l'ho voluto fortemente, e mi scuso per non essere lì presente. Il convegno di oggi è molto importante e straordinario come il tema che affronta. Inps vuole essere all'avanguardia sulla digitalizzazione, coinvolgendo i giovani e infatti abbiamo un piano di reclutamento con assunzioni importanti. L'Istituto vuole collocarsi in un panorama di aziende pubbliche altamente digitalizzate". Lo ha detto il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, in video collegamento con il convegno 'Pa digitale e Pnrr: sviluppi e opportunità', promosso da Igf Italia e Inps a Palazzo Wedekind a Roma.

"Abbiamo appena assunto 350 informatici e 350 medici. Offriamo ai giovani una prospettiva di carriera in un mondo completamente digitalizzato, con percorsi di carriera ispirati al merito e politiche del personale avanzate che conciliano lavoro e famiglia, con orari e forme di lavoro flessibili. Se andiamo verso la digitalizzazione non possiamo lascare indietro le relazioni industriali. Si devono adeguare le politiche del personale e le politiche di innovazione", spiega ancora Tridico.

Tridico ha ricordato che "abbiamo dedicato una direzione intera sulla formazione che cerca di colmare le lacune di formazione continuamente. L'istituto sta accedendo a importanti finanziamenti per realizzare l'obiettivo della digitalizzazione". Un percorso sulla digitalizzazione che secondo Tridico ha già visto l'Inps dare il suo contributo al Paese. "Abbiamo contribuito negli anni scorsi alla digitalizzazione del Paese cedendo i 22 milioni di pin a Spid facendo salire il numero di Spid in Italia. E ancora l'App io e Pago Pa. Una serie di prestazioni nuove che, con altre amministrazioni, stiamo contribuendo a creare", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli