Trieste: agenti in lacrime dopo aver portato a spalla i feretri

Fdm

Trieste, 15 ott. (askanews) - Sono stati accolti da un fragoroso, interminabile applauso di migliaia di triestini i feretri di Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, gli agenti uccisi il 4 ottobre. Le salme sono state portate nella Questura, dove è stata aperta la Camera ardente. A portare a spalla le bare, avvolte nel tricolore, sono stati i loro colleghi poliziotti; su un cuscino rosso i loro capelli. Una campana ha suonato i rintocchi lenti, mentre sono stati resi gli onori ai caduti. Le bare erano accompagnate dai familiari. Sono presenti, fra gli altri, il Capo della Polizia, Franco Gabrielli, il sindaco Roberto Dipiazza, le massime autorità delle forze dell'Ordine. In lacrime i ragazzi delle Volanti, mentre si abbracciano, urlano i nomi dei colleghi assassinati e un "Presente" che fa scattare l'applauso dei presenti in strada.