Trieste, Casellati: inaudita violenza. In Aula un minuto silenzio

Red/Lsa

Roma, 8 ott. (askanews) - Il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, in apertura di seduta dell'Aula, ha ricordato i due carabinieri Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, assassinati all'interno della Questura a Trieste lo scorso 4 ottobre e ha invitato l'Assemblea ad osservare un minuto di raccoglimento.

"Lo scorso 4 ottobre, all'interno della Questura di Trieste, due giovani agenti di Polizia hanno perso la vita dopo essere stati colpiti mentre facevano il proprio dovere. Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, di 31 e 34 anni, originari di Velletri e Pozzuoli, si erano sempre contraddistinti per senso del dovere, dedizione, capacità professionale. Due ragazzi - ha detto Casellati - definiti 'sorridenti e generosi', così come sanno essere solo coloro che svolgono il proprio lavoro con passione e serenità".

Casellati ha quindi sottolineato "l'inaudita violenza omicida posta in essere dall'assassino, fermato all'esterno degli uffici e assicurato alla giustizia, che ha scosso l'intera nazione. A partire dai cittadini di Triste che, per giorni, hanno reso omaggio a Matteo e Pierluigi recandosi presso l'ingresso della Questura per lasciare fiori, disegni, biglietti e candele. Quest'Aula, che è sempre stata vicina alle forze dell'ordine e alle loro esigenze, si stringe commossa ai 'nostri eroi della quotidianità'. Alle famiglie, agli amici e ai colleghi degli agenti Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, e a tutta la Polizia di Stato - ha concluso il Presidente del Senato - vada quindi tutta la vicinanza e il cordoglio del Senato della Repubblica".