Trieste, diffuse le immagini della sparatoria

Fugge dalla Questura con due pistole in mano sparando colpi ad altezza uomo verso il piantone, poi, uscito dall'edificio, tenta invano di aprire la portiera di una volante e si dirige verso la Panda della Squadra Mobile che fa rapidamente retromarcia. Si ripara infine dietro le auto parcheggiate. Sono alcuni dei frammenti del video della sparatoria di venerdì scorso diffuso dalla Questura di Trieste che inquadrano l’azione di Alejandro Stephan Meran, l'assassino degli agenti Pierluigi Rotta e Matteo Demenego.

LEGGI ANCHE: Poliziotti uccisi a Trieste, il video prima di morire

LEGGI ANCHE: Agenti uccisi, Chef Rubio contro Rita Dalla Chiesa e Massimo Giletti

All'inizio del filmato, contenente le immagini registrate dalla videosorveglianza, Meran entra pistola alla mano in una stanza vuota, si volta, e guarda dietro alla porta. Un'altra telecamera lo riprende successivamente nell'atrio della Questura dove arriva correndo e, puntando ad altezza uomo, spara contro il piantone impugnando stavolta due pistole (sottratte poco prima ai due agenti uccisi).

LEGGI ANCHE: Trieste, la madre del killer: “Sentiva le voci”

All'esterno dell'ingresso principale dell'edificio, Meran si avvicina a una volante della polizia parcheggiata tentando di aprirla. Infine, correndo incrocia un passante e si dirige verso la Panda della Squadra Mobile, che fa marcia indietro. Quindi si nasconde dietro alle macchine parcheggiate.

LEGGI ANCHE: Agenti uccisi, lite social tra Salvini e Chef Rubio: interviene il sindacato di Polizia

Il video termina qui, ma l'azione prosegue con la sparatoria ingaggiata tra l'assassino e gli agenti, che riescono a immobilizzarlo ferendolo a una gamba.

VIDEO - Trieste, l'ultimo saluto dei "figli delle stelle"