Trieste, ragazzo trovato morto in ostello: strangolato per gelosia

·1 minuto per la lettura

Un ragazzo di 17 anni trovato morto a Trieste nel sottoscala di un edificio adibito ad affittacamere, ucciso per strangolamento con un laccio stretto al collo tra il 7 e l'8 gennaio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del comando provinciale, il medico legale e il pm di turno. Il giovane sarebbe stato strangolato. In queste ore un 21enne è stato interrogato dagli investigatori e poi portato in carcere. A quanto si apprende, all'origine del delitto ci sarebbero la gelosia per una ragazza. Ieri sera sul posto, un condominio di via Rittmeyer, sono intervenuti i carabinieri del comando provinciale, il medico legale e il pm di turno che ha disposto l'autopsia sul corpo del giovane triestino di origine serba.

"Le investigazioni, avviate nel pomeriggio di ieri dal Nucleo Operativo dei Carabinieri subito dopo il rinvenimento del corpo senza vita e coordinate dal sostituito procuratore Lucia Baldovin, hanno consentito d’identificare ben presto il presunto autore del fatto - si legge in una nota della Procura - un ventunenne residente da tempo a Trieste. L’interrogatorio immediatamente disposto dal magistrato non ha potuto svolgersi subito perché il giovane ha accusato un malore, sicché è avvenuto nella mattina di oggi domenica 9, dopo la dimissione dell’indagato dall’ospedale".

"Domani la Procura di Trieste aprirà formalmente il fascicolo delle indagini preliminari, iscrivendo il reato di omicidio volontario. Le investigazioni - si spiega nella nota - verranno sviluppate nei prossimi giorni e comprenderanno pure l’audizione di tutti coloro che potranno fornire informazioni utili per fare piena luce sul grave fatto di sangue. Ben presto verrà eseguita pure l’autopsia, affidata al medico legale dottor Fulvio Costantinides, il quale ha già svolto i necessari rilievi sul luogo dell’omicidio".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli