Triumph, l’elettrica prende forma

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 25 mar. (askanews) - La prima moto elettrica di Triumph, identificata per adesso come Project TE-1, continua a prendere forma. Segue nello sviluppo quel percorso annunciato dal costruttore a maggio del 2019, scandito da 4 fasi per arrivare al modello di serie, in collaborazione con Williams Advanced Engineering, Integral Powertrain Ltd e l'Università di Warwick, all'interno di un progetto finanziato dall'Office for Zero Emission Vehicles del Governo britannico.

Completata la seconda fase di progettazione Nei giorni scorsi, dopo aver completato il secondo step di progettazione, Triumph ha pubblicato alcuni bozzetti della TE-1 assieme a dei dettagli della propulsione a zero emissioni, annunciando che "le prime sessioni di test del prototipo hanno dato risultati molto positivi e il motore rivelato la possibilità di raggiungere e superare gli attuali benchmark di mercato in termini di performance e durata".

"Ci siamo concentrati sulla maneggevolezza ottimizzando la massa, le dimensioni e il baricentro all'interno del telaio", hanno spiegato i progettisti, ribadendo che l'unità di controllo del veicolo è stata integrata nel pacco batterie per minimizzare peso e ingombri e che la TE-1 scriverà i nuovi parametri per le prestazioni, massa e la compattezza dei veicoli elettrici a due ruote.

Il motore pesa appena 10 chili Il motore, alimentato da un circuito a 360 Volt, produce 130 chilowatt (176 cavalli) e pesa appena 10 chili. L'utilizzo del carburo di silicio nell'inverter consentirà poi alla TE-1 di raggiungere risultati da primato in termini di efficienza, permettendo al pilota di avere sempre a disposizione tutta la potenza, indipendentemente dalla carica della batteria. Quest'ultima, realizzata studiandone il comportamento in situazioni di forte stress, simulando un utilizzo sportivo della moto in pista, e ricaricabile all'80% in meno di 20 minuti.

Massimo controllo e sicurezza Particolare attenzione nello sviluppo della TE-1 è stata inoltre rivolta al software di gestione, con un vehicle control studiato per garantire tutte le funzionalità che un motociclista si aspetta guidando una Triumph, dalla totale gestione dell'acceleratore, alle modalità del traction control, implementando nella piattaforma strategie di sicurezza avanzate.

Subito riconoscibile Dal punto di vista del design, i bozzetti mostrano infine come l'intenzione dei progettisti sia quella di mantenere sulla TE-1 uno stile che la renda subito identificabile come una Triumph, proponendo una linea innovativa ma allo stesso tempo coerente e rispettosa della tradizione del marchio senza troppe esagerazioni e ricercatezze che andrebbero ad appesantirne le forme.