Troppi esperti (o presunti tali) di Covid in tv. Giorgetti: "Generano confusione"

·1 minuto per la lettura
ROME, ITALY - MARCH 19: Economic Development Minister Giancarlo Giorgetti attends the Italy-France summit at MISE,  on March 19, 2021 in Rome, Italy. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)
ROME, ITALY - MARCH 19: Economic Development Minister Giancarlo Giorgetti attends the Italy-France summit at MISE, on March 19, 2021 in Rome, Italy. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)

Mettere un argine al proliferare di esperti in tv sulla pandemia e dintorni. Per il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti si dovrebbe valutare una raccomandazione sulla comunicazione sul Covid per tv pubbliche e private.

Secondo il ministro occorre riflettere sul fatto che forse l’invasione nei talk show di virologi ed esperti a vario titolo rischia di creare incertezze e confusione. “Inizia a esserci insofferenza nei confronti di chi ha verità in tasca pronte per ogni situazione e stagione. Verità che sono state sistematicamente smentite dai fatti”, ha detto al premier e agli ministri nel corso della cabina di regia sulle misure anti-Covid. Per questo l’invito a valutare una sorta di raccomandazione per maggiore cautela.

Non è la prima volta, viene riferito, che il ministro Giorgetti chiede una riflessione sulla comunicazione sul Covid in televisione. In tempi di Covid, ha aggiunto, non possono essere lo share e gli ascolti l’unica discriminante nelle scelte degli ospiti in tv.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli