"Troppo veloci, senza cinture, su strada pericolosa": così si schiantati i 3 ragazzi nel veronese

HuffPost
Francesca, Luca, Chiara

“Viaggiavano troppo veloci, oltre il limite massimo, e senza cinture”. Così le giovanissime sorelle Francesca e Chiara e il fidanzato della prima avrebbero perso la vita a soli 20, 15 e 23 anni. A riportare i nuovi dettagli dell’incidente avvenuto verso le 13.10 della giornata di sabato 7 dicembre a Bonavigo, nella bassa veronese, è il Corriere della Sera. 

Alla guida c’era Luca che, uscendo da una curva in direzione di Albaredo, avrebbe sbandato invadendo la corsia opposta e andandosi a schiantare prima contro un albero e poi contro un palo della linea telefonica. Lui e Francesca, seduti davanti, sono morti sul colpo; Chiara è stata estratta dai vigili del fuoco mentre respirava ancora ma purtroppo neppure lei ce l’ha fatta [...] La loro Fiat Multipla sarebbe andata troppo veloce, quasi certamente oltre il limite massimo consentito. E i tre ragazzi a bordo, al momento di quel violentissimo schianto, non avrebbero avuto allacciate le cinture di sicurezza che forse avrebbero potuto proteggerli o, almeno, evitare sabato il più drammatico degli epiloghi.

Queste le ipotesi al vaglio del pubblico ministero Elvira Vitulli. È emerso, inoltre, che il tratto di strada dove i tre ragazzi hanno trovato la morte era già finito al centro delle polemiche. 

Un tratto di strada la cui pericolosità era già finita al centro delle polemiche, tanto è vero che già dal 2010 si progettava a trecento metri di distanza la realizzazione di una rotatoria tra via Pilastro e via Giovanni XXIII.

A ribadire l’ipotesi dell’eccesso di velocità anche alcune testimonianze di persone presenti al momento dello schianto e i rilievi effettuati sul luogo.

Sono stati sentiti altri testimoni su quanto accaduto sabato,e dai loro ricordi sarebbe arrivata l’ulteriore conferma dell’elevata velocità a cui probabilmente procedeva la Fiat Multipla prima dello schianto. Anche il groviglio di lamiere in cui si presentava la vettura dopo l’impatto, costituirebbe - secondo gli...

Continua a leggere su HuffPost