Trova gatta sul treno e la fa scendere, proprietari disperati cercano Grisù

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Trova una gatta sul treno e decide di farla scendere a Pescara. Peccato che Grisù, questo il nome della micia di 14 anni, stava viaggiando con i suoi proprietari, un’anziana coppia del Salento diretta a Torino ed era scappata dal trasportino. La denuncia arriva dall'Enpa, Ente nazionale protezione animali. Da domenica, giorno in cui l'animale è scomparso, i volontari dell’Enpa di Pescara stanno cercando con tutti i mezzi la gatta, insieme anche agli agenti della Polfer e ai proprietari.

"Stiamo facendo tutto il possibile per riportare Grisù a casa" dice Carla Rocchi, presidente nazionale Enpa. "I nostri volontari, che ringrazio di cuore dell’impegno, si sono attivati fin dal primo momento. Inoltre abbiamo diffidato Trenitalia affinché prenda provvedimenti nei confronti del capotreno, responsabile di questa assurda condotta, che dovrà rispondere del reato di abbandono di animali e maltrattamento. Ci riserviamo di presentare un esposto per l’accertamento dei fatti e di costituirci parte civile nel caso in cui il responsabile venga rinviato a giudizio per i reati commessi". "Dopo tante campagne a favore degli animali, dopo tanti passi in avanti per agevolare le numerosissime famiglie che viaggiano con animali questa condotta da parte di Trenitalia è davvero inaccettabile" conclude.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.