Trova i vermi nella pizza e lo denuncia su Tripadvisor: ora deve pagare 5mila euro

HuffPost

Una pizza con salsiccia, funghi e vermi costata 5mila euro. È ciò che è accaduto ad un cliente di una pizzeria di Montagnana, in provincia di Padova, che dopo aver denunciato su Tripadvisor di aver mangiato il piatto non proprio prelibato, è stato condannato, ieri, dal Tribunale di Rovigo, a pagare il conto salatissimo. Una vicenda che ha dell’incredibile quella raccontata dal Mattino di Padova

Protagonista, suo malgrado, è stato R.S., cliente di una pizzeria del Montagnanese. Il fatto è riferito a una serata dell’ottobre del 2013. R.S. si era fermato a mangiare una pizza in questo locale. Assieme ad alcuni amici aveva ordinato un tagliere di salumi e una pizza. Gli insaccati non l’avevano particolarmente colpito, ma ben peggio era andata con la pizza: tra un pezzo di salsiccia e un porcino, infatti, il cliente aveva trovato anche dei vermi. 

SFOGLIA LA GALLERY: Cibo a domicilio, il lato oscuro del mondo dei rider

Tornato a casa, R.S, deluso dalla cena, aveva lasciato una recensione negativa su Tripadvisor, il portale creato appositamente per descrivere le proprie esperienze in ristoranti, hotel ed altri locali. Questo il testo scritto dal cliente: 

“Siamo andati con la compagnia qualche settimana fa e sinceramente ci siamo stupiti. Abbiamo trovato un ambiente bello, caldo e molto caratteristico, ma i prodotti erano pessimi! Tagliere di salumi con uno speck osceno. Addirittura una pizza con salsiccia e porcini con i vermi”.

GUARDA ANCHE: Chi sono i riders

Il titolare del locale, una volta letto il commento, ha querelato l’autore, accusato di diffamazione. Il caso stava poi per essere archiviato, come richiesto dalla Procura di Rovigo, ma il giudice per le indagini preliminari ha chiesto l’imputazione del cliente. Si legge sul Mattino:

Nel corso della discussione, che ha visto il pubblico ministero Marika Imbimbo chiedere l’assoluzione per l’utente di Tripadvisor, non è stata contestata la presenza dei vermi, quanto piuttosto il fatto che questa non sia anormale, nei funghi, né indice di un cattivo prodotto o di problemi sanitari. 

Il...

Continua a leggere su HuffPost