Trovata morta la compagna del portiere della Juve femminile

Pauline e Camille
Pauline e Camille

Una terribile tragedia si è consumata nella casa di Torino dove la coppia conviveva, prima di interrompere la relazione. Il gesto estremo è avvenuto il 4 luglio, pochi giorni prima che Pauline Peyraud-Magnin, portiere della Francia e della Juventus femminile, sarebbe partita con la nazionale per gli Europei in Inghilterra.

VIDEO - Italia, Panico: “Critiche per il 5-1 contro la Francia? Fin troppo buoniste”

Dramma del portiere della Juve femminile: trovata morta la compagna

Camille Chantal Suzon Nell è stata trovata morta in casa il 4 luglio, pochi giorni prima che Pauline Peyraud-Magnin, portiere della Francia e della Juventus femminiel, partisse per gli Europei. La donna, di 28 anni, ha ingerito una dose letale di antidepressivi e si è tolta la vita. Quando gli agenti sono entrati nell’appartamento, si sono trovati di fronte una scena terribile. Il cadavere aveva il volto sfigurato dai morsi dei cani, un husky e un pastore tedesco, che la donna aveva nell’abitazione. In quella casa la coppia conviveva, prima di interrompere la relazione. Il gesto estremo è stato annunciato in un messaggio, con tanto di codici per attivare il cellulare e password per entrare sui social.

Terribile dramma per Pauline Peyraud-Magnin

Un terribile dramma per Pauline Peyraud-Magnin, che è andata lo stesso in campo e ha giocato le prime due partite del torneo continentale in Inghilterra. Ha giocato mentre era sconvolta per questa tragedia, che ha custodito come un doloroso segreto, che ora è stato reso pubblico. Le notizie che arrivano dalla Francia parlano di una coppia inseparabile, di una relazione che aveva spinto Camille a seguire la sua compagna ovunque la portasse la sua carriera. Sul suicidio è stata aperta un’indagine. Pauline si è chiusa nel suo silenzio, pieno di dolore.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli