Trovato morto in casa a Roma il regista Massimo Manni: tracce di sangue e appartamento in disordine. Ipotesi omicidio

·1 minuto per la lettura
Manni (Photo: Manni)
Manni (Photo: Manni)

È stato trovato senza vita in casa da un familiare il regista televisivo de La7 Massimo Manni, 61 anni. Come riporta Repubblica, nell’appartamento del regista sono state trovate anche tracce di sangue, per questo il sostituto procuratore Francesco Saverio Musolino ha aperto un fascicolo ipotizzando il reato di omicidio. La vittima abitava a Prati, vicino piazzale Clodio. Il fatto risale a ieri pomeriggio, quando la vittima si sarebbe dovuto incontrare con la sorella ma non si è presentato all’appuntamento.

I familiari hanno subito chiamato la polizia e sono andati a casa. L’appartamento era in disordine e la porta non era chiusa a chiave, ma sulla serratura non sembrerebbero esserci segni di scasso. Gli esperti della scientifica, accorsi sul posto, hanno rinvenuto diverse tracce di sangue. Il pm, dopo aver aperto un fascicolo per omicidio, ha disposto l’autopsia per accertare le cause della morte.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli