Trovato senza vita nella sua abitazione milanese il figlio di Vittorio Merloni

·2 minuto per la lettura
È morto l'imprenditore Andrea Merloni
È morto l'imprenditore Andrea Merloni

È stato trovato morto nella sua abitazione di Milano Andrea Merloni, ex presidente di Indesit Company e figlio del patriarca Vittorio. A fare la terribile scoperta una colf, la quale ha subito lanciato l’allarme: pare che l’industriale 53enne sia stato colto da un malore.

È morto Andrea Merloni

Il cadavere dell’industriale è stato trovato da una collaboratrice domestica nella tarda mattinata di lunedì 9 novembre nella sua casa di Milano. Al momento non sono ancora chiare le cause della morte dell’ex presidente di Indesit Company e di Confindustria. Con lui alla guida dell’azienda di famiglia, la Indesit, colosso degli elettrodomestici, i fratelli Antonella e Maria Paola e il gemello Aristide. Nel momento in cui i soccorritori del 118 sono giunti sul posto, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 53enne: l’ipotesi più probabile al momento è che l’industriale sia stato colto da un malore, forse un arresto cardiaco, ma non vi è stata ancora conferma. La notizia si è diffusa nella tarda serata di lunedì 9 novembre ed è stata confermata da fonti vicine alla famiglia. Alla guida di Indesit Company dal 2010 al 2013, è stato presidente della holding Fineldo che controllava il 41% di Indesit prima di vendere la partecipazione al gruppo americano di Whirlpool.

Era stato l’unico ad opporsi alla vendita di indesit

Andrea Merloni, prima di diventare presidente dell’azienda di famiglia, nella quale ha lavorato per poco più di 19 anni, era stato a capo di Benelli Moto dal 1996 al 2004. Inoltre, dal 2011 al 2013 è stato presidente della scuola di formazione manageriale Istao; fu l’unico ai tempi ad opporsi alla vendita di Indesit, a differenza dei suoi familiari, i quali erano invece favorevoli, ragion per cui, alla fine, fu così costretto ad accettare. Tantissimi i messaggi di cordoglio che si stanno susseguendo da parte dei tanti che lo conoscevano: in lutto anche la sua città natale, Fabriano, dove aveva ancora tanti amici e parte della famiglia.