Trudeau accusa Pechino di interferenze nelle elezioni

Afp

AGI - Il premier canadese Justin Trudeau ha accusato la Cina di cercare di interferire nelle elezioni, giocando in modo "aggressivo" con le democrazie e prendendo di mira le istituzioni canadesi. Di recente, l'intelligence di Ottawa ha identificato una "rete clandestina" di almeno 11 candidati alle elezioni canadesi del 2019 sostenuti da Pechino.

"Abbiamo adottato misure significative per rafforzare l'integrità dei nostri processi elettorali e dei nostri sistemi e continueremo a investire nella lotta contro l'interferenza straniera delle nostre democrazie e istituzioni", ha affermato Trudeau.

"Sfortunatamente, vediamo Paesi, attori statali di tutto il mondo, che si tratti della Cina o di altri, che continuano a giocare giochi aggressivi con le nostre istituzioni, con le nostre democrazie", ha aggiunto.