Truffò “Chi vuol essere milionario?”, il caso diventa una miniserie tv

truffa chi vuol essere milionario Charles Ingram

Nel 2001 Charles Ingram partecipò alla versione britannica di “Chi vuol essere milionario?”, riuscendo a conquistare il montepremi massimo messo in palio (un milione di sterline). Con lui quel giorno esultò anche la moglie Diana e l’amico Tecwen Whittock, entrambi concorrenti in passato dello stesso programma presenti tra il pubblico. E che lo aiutarono a truffare lo show. Ora la sua storia diventa una miniserie tv.

VIDEO - 19 miliardi spesi “per gioco”

La truffa a “Chi vuol essere milionario?”

Gli autori del programma “Chi vuol essere milionario?” sospettarono subito che qualcosa non si era svolto in maniera regolare, e portarono i tre a processo. Si scoprì così che Charles Ingram aveva ideato un sistema per truffare il format. La moglie e l’amico infatti suggerivano all’uomo le risposte corrette con dei colpi di tosse. Alla fine dell’iter giudiziario marito e moglie vennero condannati a 18 mesi di carcere, mentre Whittock a dodici.

Ma da allora la notorietà di Charles Ingram accrebbe addirittura di più. L’uomo infatti scrisse un libro sul caso che divenne presto, oltre che un best seller, anche uno spettacolo teatrale. Nonostante il precedente, altre trasmissioni televisive lo vollero per i propri show.

VIDEO - Superenalotto, le 5 vincite più ricche

Al via le riprese della miniserie tv “Quiz”

La sua incredibile storia ora diventa persino una miniserie televisiva, dal titolo “Quiz”. La fiction sarà diretta dal celebre Stephen Fears, regista noto per il film “Le relazioni pericolose” ma che è stato dietro la cinepresa anche per le serie di successo “A Very English Scandal” e “State of the Union”.

L’attore Michael Sheen interpreterà invece il ruolo del conduttore Chris Tarrant, l’omologo inglese di Gerry Scotti. Per il ruolo di Charles Ingram è stato scelto invece Matthew Macfadyen (conosciuto per le parti in “Orgoglio e pregiudizio”, “Succession”) mentre Sian Clifford impersonerà la moglie Diana.