Truffa da milioni di dollari: brasiliano arrestato a Milano

fcz
·1 minuto per la lettura

Milano, 19 nov. (askanews) - Si spacciava come esperto dei mercati azionari globali, promettendo ai suoi investitori altissimi rendimenti. Ma una volta ottenuto il denaro, lo faceva sparire, con una truffa collaudata che gli ha permesso di accumulare milioni di dollari. Per questa accusa un brasiliano di 35 anni è stato arrestato dalla polizia a Milano sulla base di un mandato di arresto internazionale in attesa di essere estradato nel suo paese d'origine. Il 35enne è ritenuto dalle autorità brasiliane il regista di un'associazione criminale che, grazie alla complicità di direttori di banca corrotti, truffava ignari correntisti garantendo investimenti particolarmente redditizi. Da qui la richiesta di estradizione per i reati di frode, truffa, appropriazione indebita, associazione a delinquere e falsificazione di documenti. Grazie alle sue spiccate competenze in materie finanziarie, riusciva a convincere facoltosi brasiliani ad affidargli ingenti somme di denaro da investire nelle Borse mondiali. Poi consegnava alle vittime documenti falsi per attestare che il capitale investito si fosse incrementato, quando invece i soldi erano spariti. Individuarlo, per gli investigatori del Commissariato Lambrate, non è stato facile. L'uomo si era infatti fatto ospitare clandestinamente da un tassista conosciuto in passato in un carcere italiano. I poliziotti sono risaliti a lui grazie a un'attenta analisi dei pochi dati a disposizione degli investigatori e alla 'soffiata' di fonti confidenziali.