Trump allo stadio per World Series, fischi e cori "arrestatelo"

webinfo@adnkronos.com

Fischi e 'buu' hanno accolto Donald Trump che ha assistito alla partita di baseball della World Series allo stadio di Washington. Il presidente era seduto nella tribuna d'onore con diversi esponenti del partito repubblicano per assistere alla partita tra Washington Nationals e Houston Astros, ma quando sul megaschermo del Nationals Park sono apparse le immagini di Trump sono partiti i fischi ed i cori "impeach him" e "lock him up", arrestatelo.  

Con un riferimento all'inchiesta di impeachment in corso, alcuni tifosi hanno quindi rovesciato sul presidente lo slogan, 'lock her up' che durante la campagna del 2016 i sostenitori di Trump scandivano durante i comizi elettorali per chiedere l'arresto dell'avversaria dem Hillary Clinton.  

E' la prima volta che Trump, da quando si è insediato alla Casa Bianca, partecipa ad un evento sportivo a Washington, una città dove nel 2016 ha ottenuto solo il 4.1% dei voti ed in questi anni ha largamente snobbato. I Nationals, per tenere la politica lontana dalla loro prima partecipazione al World Series non avevano invitato Trump, che però alla fine ha deciso di partecipare, con la Casa Bianca che ha organizzato la logistica con la Major League Baseball.  

Tradizionalmente ai presidenti che assistono ad una partita di baseball viene riservato l'onore primo lancio, ma ieri non è successo con Trump. Il presidente dei Nationals, Mark Lerne, dopo che Trump ha annunciato che avrebbe partecipato alla partita ha detto che il presidente "ha tutto il diritto di farlo", ma precisato che "la scelta per il primo lancio e molti altri candidati devono essere considerati prima di lui". 

Così il 'first pitch' è stato riservato ad un 'nemico' del presidente, il celebrity chef Jose Andres che è in causa con Trump per il fallito progetto di realizzare un ristorante al Trump International Hotel ed è fortemente critico delle sue politiche. Al momento del lancio, Andres ha ricevuto un'ovazione dal pubblico.  

La Casa Bianca aveva reso noto che Trump avrebbe incontrato un gruppo di reduci tornati dalla guerra feriti. E durante la partita due uomini hanno issato lo striscione "Reduci per l'impeachment'. "Il nostro giuramento non si è fermato quando abbiamo lasciato il servizio - ha detto al Washington Post uno di loro Alan Pitts, che ha combattuto in Iraq - siamo ancora qui a difendere e il Congresso deve fare lo stesso e considerare il presidente responsabile per i suoi atti illegali e incostituzionali".