Trump, chi lo ha mollato dopo l'assalto al Congresso

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Prime defezioni per Donald Trump e Melania dopo l'assalto al Congresso di ieri. Diversi infatti gli addii fra lo staff di Casa Bianca e First Lady, da chi ha deciso di 'mollare' il presidente uscente come risposta ai disordini di Capitol Hill costati la vita a quattro persone.

Ultimo della lista è Mick Mulvaney, ex capo dello staff della Casa Bianca che ora era inviato speciale di Trump per l'Irlanda del Nord. "Ho telefonato la notte scorsa al segretario di Stato Mike Pompeo e gli ho detto che mi dimettevo, non posso restare", ha detto in un'intervista televisiva. "Quelli che hanno scelto di restare, ed io ho parlato con alcuni di loro - ha poi rivelato - lo hanno scelto perché sono preoccupati dalla possibilità che il presidente possa nominare qualcuno peggiore". Le dimissioni di Mulvaney arrivano dopo che aveva criticato su Twitter il comportamento di Trump di fronte all'assalto del Congresso: "Ora è il momento che il presidente sia presidenziale, lui può fermare la cosa ora e deve farlo".

Tra gli addii al presidente uscente arrivati in giornata, anche quello del vice consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Matt Pottinger, che ha rassegnato le dimissioni: a confermarlo alla Cnn è una fonte vicina a Pottinger. Come riporta l'ABC, inoltre, anche la vice segretaria stampa della Casa Bianca Sarah Matthews si è dimessa, lasciando la propria posizione sulla scia di proteste. "Sono stato onorata di servire nell'amministrazione Trump e orgogliosa delle politiche che abbiamo attuato", ha detto Matthews in una dichiarazione all'ABC News. "Come qualcuno che ha lavorato nelle sale del Congresso, sono stata profondamente turbata da ciò che ho visto oggi. Mi dimetterò dal mio ruolo, con effetto immediato. La nostra nazione ha bisogno di un trasferimento pacifico del potere".

Addio anche dai membri dello staff di Melania Trump, che ieri hanno annunciato le loro dimissioni: Stephanie Grisham, ex direttrice della comunicazione della Casa Bianca ed attuale capo dello staff della first lady, ha lasciato ha detto alla Cnn una fonte della Casa Bianca. Addio, secondo l'ABC, anche dal social secretary della Casa Bianca Rickie Niceta, che secondo una fonte con conoscenza diretta ha presentato le sue dimissioni in reazione alla protesta.