Trump contro Obama: "Se mi ha spiato, è peggio del Watergate"

A24/Pca

New York, 17 mag. (askanews) - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è tornato ad attaccare il predecessore, Barack Obama, che avrebbe "spiato lo staff della campagna elettorale" dell'allora candidato repubblicano alla presidenza. "Andrew McCarthy - ha scritto Trump su Twitter - ha detto che 'probabilmente non ci sono dubbi che abbiano avuto almeno un informatore segreto nella campagna'. Fosse così, questa cosa sarebbe più grande del Watergate".

Trump si riferisce a un articolo del National Review dello scrittore ed ex procuratore Andrew McCarthy, secondo cui le agenzie di intelligence avrebbero usato, sotto Obama, i loro poteri per controllare il lavoro della campagna elettorale di Trump. Non è la prima volta che Trump e i repubblicani accusano Obama di aver monitorato l'attuale presidente durante la campagna elettorale.