Trump: Doral sarebbe stato miglior posto, e gratis, per il G7 -2-

A24/Pca

New York, 21 ott. (askanews) - "Pensavo di fare qualcosa di molto buono per il nostro Paese usando il National Doral, a Miami, per ospitare il G-7. È grande, si estende su centinaia di acri, sorge accanto al Miami International Airport, ha grandi sale da ballo e sale riunioni" aveva scritto ieri su Twitter, annunciando la rinuncia a ospitare il G7 a Miami.

"Avevo detto che sarei stato disposto a farlo senza avere profitti o, se legalmente consentito, a costo zero per gli Stati Uniti. Ma, come al solito, i media ostili e i loro partner democratici sono diventati pazzi!" aveva aggiunto il presidente statunitense. "Pertanto sulla base della folle e irrazionale ostilità dei media e dei democratici, non prenderemo più in considerazione il Trump National Doral di Miami come sito ospitante per il G-7 nel 2020. Inizieremo la ricerca di un altro sito, considerando anche la possibilità di Camp David, immediatamente". La decisione di tenere il G7 - in programma tra il 10 e il 12 giugno - nel Doral Resort aveva provocato le critiche non solo dei democratici, ma anche di una parte dei politici e dei commentatori repubblicani.