Trump: "Eravamo pronti a reagire a missili Teheran"

webinfo@adnkronos.com

"Non abbiamo fatto nulla. Eravamo pronti, eravamo pronti, non che io volessi, ma eravamo pronti. Non avete idea. Un sacco di gente è stata fortunata". Così Donald Trump ricostruisce alcuni dei momenti successivi all'attacco iraniano alle postazioni militari Usa in Iraq, in risposta all'uccisione di Qassem Soleimani.  

Il presidente, nel corso di un evento elettorale a Toledo, in Ohio, ha riferito che gli Stati Uniti erano pronti a reagire con forza ai missili iraniani, ma il fatto che non vi siano state vittime americane ha fermato i venti di guerra.  

L'uccisione del generale iraniano, ha detto Trump parlando ai suoi sostenitori nel primo evento elettorale del 2020, è stata "un'azione coraggiosa e decisiva per salvare vite americane e fare giustizia".  

Il presidente ha spiegato che "Soleimani stava attivamente pianificando nuovi attacchi e stava valutando seriamente le nostre ambasciate e non solo quella di Bagdad" ma, ha detto Trump, "lo abbiamo fermato rapidamente".