Trump firma i pacchetti di stimoli all'economia, gli Usa evitano lo shutdown

·2 minuto per la lettura

AGI - Con un ritardo di quasi una settimana e sotto la pressione di tutte le parti politiche, Donald Trump ha firmato il pacchetto di stimoli all'economia da 900 miliardi di dollari, approvato da Capitol Hill per fronteggiare la crisi del Covid al termine di un'estenuante trattativa tra Democratici e Repubblicani, e che il presidente Usa aveva giudicato inadeguato.

Trump ha firmato anche la legge sul finanziamento dello Stato federale, impedendo così il paventato shutdown, il blocco delle attività di larga parte dei servizi pubblici, che altrimenti sarebbe scattato domani.  

Il pacchetto di aiuti a famiglie e imprese colpite dalla pandemia era stato inserito nel più vasto provvedimento di spesa da 2,3 trilioni di dollari che finanzia l'attività del governo fino al settembre 2021. Martedì scorso, il presidente aveva pubblicato un video sulle reti sociali dove chiedeva al Congresso di alzare a duemila dollari l'importo dei versamenti diretti ai cittadini con redditto inferiore ai 75mila dollari l'anno, una cifra pari a più del triplo dei 600 dollari attuali, e aumentare i sostegni alle imprese, in particolare quelle del settore della ristorazione.

"Sto firmando questo disegno di legge per ripristinare i sussidi di disoccupazione, fermare gli sfratti, fornire assistenza per gli affitti, aggiungere denaro per PPP (Paycheck Protection Programs, il programma di finanziamento alle imprese), riportare i nostri lavoratori delle compagnie aeree al lavoro, aggiungere sostanzialmente più soldi per la distribuzione di vaccini e molto altro", ha annunciato in un comunicato Trump, dal suo resort di Mar-a-Lago in Florida.

La svolta è arrivata dopo una giornata segnata da appelli bipartisan per evitare un disastro economico e sociale, soprattutto per le fasce più vulnerabili della popolazione americana. Il ritardo della ratifica del presidente del pacchetto aiuti, approvato dal Congresso il 21 dicembre, ha già comportato la scadenza, a mezzanotte di sabato scorso, di due programmi di sussidio alla disoccupazione, tagliando fuori circa 12 milioni di americani che probabilmente non riceveranno i pagamenti per l'ultima settimana del 2020.  

L'influente senatore repubblicano, Mitt Romney si è detto "sollevato" dopo la firma del presidente. "Ora sono in arrivo aiuti per i lavoratori, le famiglie e le piccole imprese di tutto il Paese che ne hanno un disperato bisogno", ha twittato. Ieri, Romney aveva esortato Trump a "firmare immediatamente o porre il veto al pacchetto di aiuti, in modo che il Congresso potesse agire prima che fosse "troppo tardi".

Il nuovo pacchetto di stimoli estende gli aiuti federali ai disoccupati fino a metà marzo, fornisce prestiti garantiti e miliardi di dollari in aiuti a piccole imprese, ristoranti, hotel, compagnie aeree e altre società. Proroga, inoltre, la moratoria sugli sfratti di persone impossibilitate a pagare l'affitto, sospende i pignoramenti e fornisce fondi per la distribuzione dei vaccini Covid-19 agli Stati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli