Trump "fuori di testa", collaboratori valutano 25esimo emendamento

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Donald Trump "è fuori di testa". A dirlo alla Cnn è una fonte spesso in contatto con il presidente americano mentre a Washington crescono le preoccupazioni per la stabilità mentale del tycoon, che fino al 20 gennaio detiene tutti i poteri della presidenza, compresi i codici per un attacco nucleare. Fonti del partito repubblicano riferiscono che alcuni membri del suo gabinetto hanno avuto discussioni preliminari sulla possibilità di evocare il 25esimo emendamento per incapacitare il presidente americano. Non è chiaro se si arriverà a tanto, ma le discussioni "riflettono l'estrema preoccupazione" anche fra i funzionari e i repubblicani che sono stati vicini a Trump in questi quattro anni.

"Tutti, in ogni ufficio federale, devono tenere strettamente d'occhio Donald Trump perché pensa e agisce in modo irrazionale", nota lo storico delle presidenze Usa, Douglas Brinkley, esprimendo preoccupazione sui danni che un presidente irato e scatenato potrà fare nei prossimi giorni.