Trump invia altri 1.000 soldati in Medio Oriente

webinfo@adnkronos.com
Dopo gli attacchi della scorsa settimana a due petroliere nel Golfo di Oman, l'amministrazione Trump invierà altri mille soldati in Medio Oriente. Lo ha annunciato il ministro della Difesa pro tempore Patrick Shanahan. Il contingente, ha detto, verrà inviato a "scopi difensivi per fare fronte alle minacce aeree, navali e di terra in Medio Oriente". Inoltre, il contingente contribuirà a garantire la sicurezza del personale militare che opera nella regione e a proteggere gli interessi nazionali degli Stati Uniti.  La decisione, ha affermato ancora Shanahan , fa seguito ad una richiesta del Comando centrale Usa (Centcom) e a "consultazioni con la Casa Bianca". Il segretario alla Difesa ha ribadito che gli Stati Uniti non vogliono un conflitto con l'Iran, ma "continueranno a monitorare la situazione e a modificare i livelli delle forze, in funzione delle informazioni di intelligence riguardanti minacce credibili". Ieri, il Pentagono ha diffuso nuove immagini che secondo gli Stati Uniti dimostrano le responsabilità iraniane negli attacchi alle petroliere.

Dopo gli attacchi della scorsa settimana a due petroliere nel Golfo di Oman, l'amministrazione Trump invierà altri mille soldati in Medio Oriente. Lo ha annunciato il ministro della Difesa pro tempore Patrick Shanahan. Il contingente, ha detto, verrà inviato a "scopi difensivi per fare fronte alle minacce aeree, navali e di terra in Medio Oriente". Inoltre, il contingente contribuirà a garantire la sicurezza del personale militare che opera nella regione e a proteggere gli interessi nazionali degli Stati Uniti.  

La decisione, ha affermato ancora Shanahan , fa seguito ad una richiesta del Comando centrale Usa (Centcom) e a "consultazioni con la Casa Bianca". Il segretario alla Difesa ha ribadito che gli Stati Uniti non vogliono un conflitto con l'Iran, ma "continueranno a monitorare la situazione e a modificare i livelli delle forze, in funzione delle informazioni di intelligence riguardanti minacce credibili". 

Ieri, il Pentagono ha diffuso nuove immagini che secondo gli Stati Uniti dimostrano le responsabilità iraniane negli attacchi alle petroliere.