Trump risparmia il vino italiano ma stanga i liquori

webinfo@adnkronos.com

Il vino italiano è salvo. Ma liquori e cordial del Belpaese sono stati colpiti pesantemente. Donald Trump ha dato seguito solo parzialmente alle sue minacce colpendo selettivamente le bevande spiritose provenienti dall’Europa. Dal 18 ottobre i dazi verranno posti su liquori e cordial del nostro Paese, con pesanti ripercussioni sugli sbocchi internazionali e quindi sulla tenuta del settore. 

“Il mercato americano rappresenta un mercato in grande espansione per i nostri spiriti”m ha dichiarato Sandro Boscaini, presidente di Federvini. “Basti pensare che tra il 2017 e il 2018 l’export in USA è cresciuto di circa il 45%. Un mercato che ogni anno dimostra di apprezzare sempre di più i nostri prodotti, fatti di cultura, storia e tradizione”. Secondo Federvini, i dazi freneranno in maniera netta tutto il settore, oggi sempre più votato ai mercati esteri. "Auspichiamo -ha proseguito Boscaini- che vengano immediatamente riprese le trattative a favore del commercio libero, per un mercato trasparente che premi la qualità".