Trump sulla guerra commerciale con Pechino: Io sono l'Eletto

Roma, 22 ago. (askanews) - Nella girandola delle dichiarazioni quotidiane di Donald Trump, un nuovo parossismo è stato raggiunto con l'autoproclamazione a Eletto, "the Chosen One", il prescelto sul terreno della guerra commerciale con la Cina.

"Qualcuno doveva farlo. Io sono l'eletto" ha detto ai giornalisti il presidente degli Stati Uniti. "Io affronto la Cina sul commercio, e sapete cosa? Stiamo vincendo. Perché noi siamo il salvadanaio, siamo il paese che tutti, inclusa l'Unione Europea, vogliono derubare".

Una guerra commerciale ha detto Trump che avrebbe dovuto essere intrapresa da tempo da altri presidenti. Washington ha imposto pesanti dazi per miliardi di dollari sui prodotti cinesi e altre due ondate di imposte arriveranno dal primo settembre e dal 15 dicembre.

Il linguaggio biblico del presidente segue di 24 ore il tumulto mediatico provocato dalla sua decisione di annullare la visita in Danimarca che era prevista per il 2 settembre, perché il governo di Copenaghen ha rifiutato di netto la sua richiesta di trattare la vendita nientemeno che della Groenlandia.