Trump, un quarto dei suoi tweet da presidente non sono fatti verificati o verificabili

Un quarto dei tweet che Donald Trump ha postato da quando è stato eletto contengono fatti che non sono verificati, oppure non verificabili. Lo dice uno studio commissionato dalla Press Association. (Getty)

Non tutto quello che scrive è vero. O almeno non è verificabile. Un quarto dei tweet che Donald Trump ha postato da quando è stato eletto contengono fatti che non sono verificati, oppure non verificabili. Lo dice uno studio commissionato dalla Press Association che ha analizzato 447 tweet firmati dal numero uno della Casa Bianca e ben 108, ossia il 24,2 per cento, contiene assunti che non possono essere verificati.

Lo studio ha preso in esame le affermazioni di Trump, dal suo account ufficiale, e ha provato a capire se sono supportate da prove pubblicamente disponibili o riportate da agenzie di stampa. Il picco dei tweet “sotto esame” si è toccato lo scorso febbraio, soprattutto con post che facevano riferimento ai rapporti con la Russia durante la sua campagna elettorale.


A febbraio il presidente Trump ha twittato 37 affermazioni quantomeno discutibili, sempre secondo l’analisi condotta, di cui 12 nella settimana delle dimissioni di Michael Flynn, ex consigliere per la sicurezza nazionale, dimesso per aver mentito al parlamento, sempre per informazioni legate al governo russo. Di questi tweet, sei sono stati postati per difendere in maniera diretta il comportamento della sua squadra durante la campagna, mentre cinque contestavano le notizie di contatti tra Trump e il Cremlino, bollandole come “false”.

Qualche esempio concreto. Il 15 febbraio Donald Trump twitta: “Questa connessione con la Russia non ha senso, si tratta solo di un tentativo di coprire i molti errori commessi in campagna elettorale dalla perdente Hillary Clinton”. Due giorni dopo ha scritto: “I democratici hanno dovuto inventare una storia sul perché hanno perso le elezioni, e così male, così hanno inventato la storia sulla Russia. Notizie false!”.

Il controllo della Press Association continua scrupolosamente. Sono state rilevate 13 affermazioni “discutibili” nei tweet di Trump all’inizio di aprile.



Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità