Trump verso rinvio di altri 6 mesi per decisione su dazi... -2-

A24/Pca

New York, 12 nov. (askanews) - L'imposizione di dazi sulle auto importate, minacciata da un anno, aprirebbe un nuovo fronte nella guerra commerciale del presidente Trump, dopo quello cinese, con pesanti ripercussioni sull'economia statunitense e del resto del mondo. L'Unione europea ha già preparato una lista di beni statunitensi da colpire con i dazi, se l'amministrazione statunitense dovesse decidere di dare un seguito alle minacce.

Nonostante Trump dica di voler difendere il settore automobilistico statunitense, gli stessi produttori si oppongono, perché i dazi metterebbero a rischio dei posti di lavoro e si ripercuoterebbero sui consumatori, costretti a pagare prezzi più alti. La giustificazione della "sicurezza nazionale" è già stata usata dall'amministrazione statunitense per imporre dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio provenienti anche da alleati come Ue, Canada e Messico.