Truppe ucraine resistono a Severodonetsk dopo distruzione ultimo ponte

Un carro armato guidato dalle truppe ucraine nella regione del Donetsk, in Ucraina

KIEV (Reuters) - L'Ucraina ha detto che le sue forze stanno mantenendo le posizioni all'interno di Severodonetsk e stanno tentando di evacuare i civili rimasti, dopo che la Russia ha distrutto l'ultimo ponte di collegamento con la città, un potenziale punto di svolta in una delle battaglie più cruente dall'inizio della guerra.

La Russia ha detto che offrirà ai combattenti ucraini intrappolati in uno stabilimento chimico della città la possibilità di arrendersi domani mattina. Le truppe ucraine dovrebbero "porre fine alla loro insensata resistenza e deporre le armi" a partire dalle 8 di domattina ora di Mosca, secondo Michail Mizintsev, responsabile del Centro di gestione della difesa nazionale russo, citato da Interfax.

Ai civili sarà consentito di abbandonare la città tramite un "corridoio umanitario", ha detto Mizintsev.

Il sindaco della città ucraina Oleksandr Stryuk ha detto: "La situazione è molto difficile ma continuano le comunicazioni con la città", malgrado l'ultimo ponte sul fiume Siverskyi Donets sia stato distrutto. "Le truppe russe stanno cercando di prendere d'assalto la città, ma l'esercito sta mantenendo le posizioni".

Secondo Kiev, ci sono oltre 500 civili intrappolati all'interno di Azot, la fabbrica chimica dove le forze ucraine hanno resistito per settimane ai bombardamenti russi.

Le evacuazioni vengono portate avanti "ogni minuto appena si placano i combattimenti e c'è possibilità di trasporto", ha detto Stryuk. "Ma queste evacuazioni sono effettuate con discrezione, una alla volta, e sfruttando ogni possibile chance".

Il governatore della regione di Lugansk, Serhiy Gaidai, ha detto che "il bombardamento è così pesante che le persone non possono più rimanere nei rifugi, sono psicologicamente al limite. In questi ultimi giorni, i residenti sono pronti finalmente ad andar via".

Entrambe le parti hanno affermato di aver inflitto pesanti perdite durante i combattimenti per le strade della città, il principale obbiettivo di Mosca nell'est del paese, dopo il fallimento dell'offensiva contro Kiev a marzo.

L'Ucraina controlla ancora Lysychansk, la città gemella di Severodonetsk sulla sponda opposta del fiume. Ma con tutti ponti ormai distrutti, le forze di Kiev sanno di rischiare l'accerchiamento a Severodonetsk. Le truppe filorusse hanno detto che tutti i soldati ucraini ancora in città debbono arrendersi o morire.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli