Tumore pancreas, intervento alternativo a pancreasectomia totale

Bnz/Ral

Padova, 23 lug. (askanews) - Un intervento che conservando il 25% del pancreas può evitare il diabete o ridurre la necessità del trattamento insulinico dopo pancreasectomia estesa per i pazienti con tumori multipli al pancreas.

Si tratta di un'operazione molto complessa e delicata, che si chiama "pancreasectomia subtotale con preservazione del corpo pancreas". Conservando la parte centrale del pancreas, che costituisce circa il 25% della ghiandola, il rischio del diabete post-operatorio, e l'uso di insulina, è notevolmente ridotto. Questo intervento, introdotto nel 2003 da un chirurgo americano, è stato finora eseguito in pochi centri di Chirurgia Pancreatica e in non più di 30 casi al mondo, e nell'ultimo anno è stato effettuato al Policlinico Universitario di Padova nella Clinica Chirurgica 1 (diretta dal professore S. Pucciarelli) in due pazienti con neoplasie multiple o multifocali del pancreas.

L'equipe chirurgica del Gruppo di Ricerca di Chirurgia Pancreatica ed Endocrina Digestiva, costituita dal professore Claudio Pasquali e dalla dottoressa Anna Caterina Milanetto, che da lungo tempo si occupa di chirurgia dei tumori neuroendocrini del pancreas e del tratto digestivo, ha presentato i risultati di questo innovativo intervento al 51° Congresso della Società Europea di Pancreatologia (European Pancreatic Club, Epc), tenutosi a Bergen, in Norvegia, nel giugno 2019. Questo lavoro ha suscitato notevole interesse tra i delegati, in particolar modo tra i chirurghi di varie nazionalità e ha sorpreso che il paziente più giovane, di 27 anni d'età, non fosse neppure diabetico dopo l'intervento e svolgesse senza alcuna limitazione la professione di preparatore atletico.

(Segue)