Tumore polmoni, nuovo biomarcatore per candidati immunoterapria

red/rus

Roma, 23 dic. (askanews) - Si chiama EpsiLon il biomarcatore che potrebbe rappresentare la svolta per l'identificazione dei pazienti candidati all'immunoterapia. Si tratta di uno score prognostico precedentemente generato su 154 pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule trattati con immunoterapia presso l'Ospedale Giovanni Paolo II di Bari. Lo score, che comprende diversi parametri clinici (performance status, fumo e presenza di metastasi epatiche al basale) e biochimici (livelli di LDH e rapporto neutrofili-linfociti), si era dimostrato in grado di distinguere i gruppi di pazienti con diversa prognosi. Da qui, lo studio condotto all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (INT) su 200 pazienti naive e pubblicato sulla rivista scientifica Cancers. "EPSILoN score è uno strumento utile per guidare le decisioni terapeutiche nei pazienti con tumore polmonare candidati al trattamento immunoterapico" - spiega Giuseppe Lo Russo oncologo medico Struttura Semplice di Oncologia Toracica INT con responsabile la Dr. Marina Chiara Garassino del Dipartimento di Oncologia Medica 1 diretta dal Prof. de Braud. "Lo score rappresenta una novità da impiegare nella pratica clinica, in quanto è facilmente calcolabile senza la necessità di un ulteriore dispendio economico" commenta Arsela Prelaj, Oncologo medico dedicato allo studio e alla cura dei tumori toracici presso la stessa Struttura e dottoranda in Bioingegneria presso l'Università Politecnico di Milano.(Segue)