Tumore seno? Cure anche a casa. La rivoluzione parte da Napoli -2-

Cro-Mpd

Roma, 23 gen. (askanews) - Il programma è destinato alle pazienti con carcinoma mammario Her2 positivo sottoposte a trattamento con Trastuzumab in formulazione sottocutanea e che rispondono ad una serie di parametri clinici che consentono la somministrazione in sicurezza. E' l'oncologo a proporre alle pazienti il programma e se la donna è interessata ha modo di conoscere il medico che la seguirà al domicilio e poi decidere se aderire al programma. L'adesione è volontaria, gratuita e revocabile in qualsiasi momento.

Il programma prevede che almeno le prime due somministrazioni di terapia sottocutanea con il principio attivo Trastuzumab avvengano in Day Hospital per poi effettuarle al proprio domicilio. Un medico opportunamente addestrato segue la paziente sia durante la somministrazione che nelle due ore successive. Si tratta di un programma 'senza pensieri' non solo perché gratuito e perché tutti gli appuntamenti sono programmati e di facile gestione ma anche perché il farmaco e tutto il necessario per la somministrazione è portato dal medico al domicilio della paziente, così come i rifiuti speciali sono smaltiti, sempre gratuitamente da una società specializzata. A gestire, dal punto di vista logistico ed operativo, il progetto è EGG Innovative Health Solutions.

Il programma Herhome nasce grazie ad un protocollo d'intesa tra il Pascale e la Roche. «Questo progetto segna davvero una rivoluzione nell'approccio terapeutico della malattia oncologica - dice Maurizio de Cicco, Presidente e Amministratore Delegato di Roche Italia - perché dimostra come sia possibile mettere gli interessi dei pazienti concretamente al primo posto, anche se questo significa dover affrontare ostacoli burocratici ed organizzativi. Il Pascale e la Regione Campania, davanti a queste barriere, non si sono trincerati dietro l'alibi del 'non si può fare' ma si sono impegnati per trovare una soluzione. E' uno splendido esempio di coerenza, perché non basta parlare dell'importanza della centralità del paziente, è necessario che alle buone intenzioni seguano i fatti altrimenti resta un inutile libro dei sogni. A Napoli con Herhome la Sanità pubblica compie un primo passo in avanti importante. Ci auguriamo che questo modello possa essere ripreso anche in altre realtà e messo a disposizione di molte più donne». (segue)